Il riflesso della morte

Google Anzeigen

Anthologien

Durante uno scavo, un teschio viene gettato da una benna dentro il cassone di un camion. Saranno i resti di Guido Astolfi?
La famiglia dell’imprenditore e l’intera comunità di Litore ne sono certi.
Astolfi era sparito nel nulla una sera di settembre di trentasei anni prima, ma le indagini erano state archiviate per l’impossibilità di trovare l’uomo o il suo corpo e non c’erano prove sufficienti per inchiodare un colpevole.
La scoperta dell’intero scheletro poco al di sotto di un metro di terreno riaprirà il caso che viene affidato all’ispettore Alex Maier.
Maier dovrà lottare contro i luoghi comuni e l’intera comunità che, trentasei anni prima, aveva già trovato il suo colpevole: Giuseppe Masini, l’ex socio dell’uomo scomparso.
L’ispettore vuole arrivare alla verità e per questo non vuole farsi influenzare dal giudizio della gente e neppure da quello di Aldo, suo confidente e amico dello scomparso.
In ogni caso, Giuseppe Masini aveva movente e occasione, quindi, Alex potrebbe trovarsi di fronte o a un colpevole molto abile che non ha lasciato tracce oppure a un innocente accusato, non ufficialmente, da tutta la comunità e persino dai suoi familiari.
Questa volta l’ispettore avrà un aiuto inaspettato per risolvere il caso.
Qualcuno che lo indirizzerà sulla strada giusta, grazie a un Liber Usualis e a improvvise melodie del passato suonate alla radio e così, dopo tanti anni, chi aspettava di ottenere giustizia avrà finalmente le sue risposte, ma spesso la verità è amara e molto diversa da come ce la aspettiamo…

“Sono un ispettore di polizia e mi piace raccontare storie, le storie di chi ho incontrato nel mio lavoro e non sempre perché era un efferato omicida che ho arrestato, a me interessa dar voce anche a chi non sono riuscito a salvare, a chi non sono riuscito a capire, perché per fare il mio mestiere bisogna dosare ragione e intuito, anche se a volte…”

Ostacolo invisibile #1
Il riflesso della morte #2


Mehr auf Amazon:

Il riflesso della morte

Facebook Like
Autor: Martin Osman Hamann »

Martin Osman Hamann bloggt hier schon seit 2009 und es ist immer noch so aufregend wie am Ersten Tag. Was wahrscheinlich daher rührt weil er bisher nur 1 Artikel oder so veröffentlicht hat :)

Diesen Blog-Autor abonnieren:

Auf Facebook teile ich persönliche Dinge und stelle neue Projekte vor
YouTube nutze ich zurzeit noch nicht voll aus, kann aber noch kommen
Auf Google+ poste ich vorallem lustige Gifs und krankes Zeug
  Auf Twitter retweete ich lustige Tweets und twittere meine Posts
  Auf SoundCloud reposte ich Songs die ich gerne höre & lege Listen an
This post has been viewed 169 times

Kommentar zum Artikel verfassen

Pflichtfelder *

Vollständiger Name. Wird, falls vorhanden, mit Ihrer Homepage verlinkt.

Optional, nicht erforderlich.